Odone: il tuo punto di riferimento dal 1875

Un punto di riferimento


Odone è da sempre un punto di riferimento del settore tessuti e biancheria per la casa.

Grazie alla qualità dei suoi prodotti, l’attenzione al dettaglio e alle tendenze del mercato, per il servizio e la serietà che contraddistinguono questa Azienda.

Nel 1875 Giovanni Battista Odone aprì un piccolo negozio di tessuti in Strada Luccoli, all’epoca salotto di Genova; dopo qualche anno, con l’aiuto di alcuni dei suoi 12 figli, rilevò i due locali di piazzetta Chighizola e espanse il suo commercio nel tessile a metraggio di ogni genere.


Le due Guerre Mondiali


Difficoltà, ricrescite anagrafiche ed economiche.

Passata con difficoltà la Prima Guerra Mondiale, nei momenti di ricrescita anagrafica ed economica la G.B.Odone spa aprì la vendita dei suoi prodotti anche in via XX Settembre, un negozio all’angolo con via Cesarea per i tessuti per la casa e l’altro all’angolo con via Galata per i tessuti per abbigliamento.

Dopo alcuni anni di pace e prosperità arrivò la Seconda Guerra Mondiale, che rase al suolo la città, la sua economia e il suo già scarso ottimismo.


I fratelli Odone ed il loro Impegno.


Anni di seria attività avevano dato loro credibilità presso i fornitori che diedero fiducia e merce da vendere.

Aldo Odone partiva per Milano con le ruote di scorta sul tetto (era facile bucare anche più di una volta) e dopo ore, a volte giorni di attesa acquistava i tessuti.

Caricava questi ultimi in auto e portava nei negozi per la distribuzione: file di persone aspettavano per l’acquisto, l’economia cominciò a girare ancora.


Il boom economico degli anni 60


Il Mercato che cambia: entrano in gioco la biancheria confezionata e colorata.

Il boom economico degli anni 60 vide ancora Odone protagonista e il mercato che cambiava suggerì ad Armando Odone di inserire nell’offerta anche la biancheria confezionata: crescevano in quegli anni i laboratori di confezione che si ispiravano alla moda trasformando così le aziende in show room e dando così inizio all’IDEA CASA con la biancheria colorata. Anche il negozio di abbigliamento ebbe una svolta e gli abiti confezionati presero il posto delle pezze di tessuto. Di questi anni è la collaborazione con i fratelli Campanini di Voghera con l’apertura del punto vendita Campanini&Odone nella via Emilia.

Essere dipendenti della ditta Odone era come far parte di una grande famiglia, alcuni venditori sono entrati con le braghette corte e sono andati in pensione senza cambiare mai datore di lavoro; una volta all’anno si dedicava una domenica per la gita fuori porta in cui la gara di bocce era l’evento principale e venivano assegnate medaglie di fedeltà per gli anni di lavoro.

La GB Odone S.p.a. arrivò a superare i 100 dipendenti. Il passaggio a produttori venne da sé: Odone entrò a far parte della Corit, precursore degli attuali gruppi di acquisto / tutto in uno / tutta la filiera che radunava i migliori negozi di biancheria di tutta Italia per acquistare a prezzi e condizioni migliori, produrre linee esclusive ed essere informati e al passo coi tempi nelle scelte e nel gusto.


Dagli anni 70 ad oggi


Crescita ed Innovazione in un Mercato in continua evoluzione.

L’alluvione del 1970 diede un brutto colpo all’azienda, ma la tenacia e l’instancabile lavoro di tutti le permise di andare avanti, a testa alta. Alla fine degli anni 70 furono chiusi i negozi di via Luccoli e Odone rimase presente e radicato nei due negozi di via XX Settembre, cuore pulsante del commercio genovese.

Gli anni 80 furono ancora di crescita e nel 1989 Rodolfo Odone con le figlie Giovanna e Marta aprì il negozio di via Albaro, fortificando Odone nella posizione di leader della biancheria per la casa.

Nel ‘92 un’altra alluvione colpì la città, ancora fu allagata quella conca all’inizio di via XX, e non solo; di nuovo i Genovesi si rimboccarono le maniche, di nuovo si spalò nel fango, di nuovo si riaprirono i negozi.

La crisi però era iniziata, il lento declino era in atto ma Odone ebbe la forza e la lungimiranza di tenersi al passo coi tempi e di aggiornarsi al mercato che stava cambiando.

Nel 2002 il “Bianco e Nero” di via Cesarea chiuse e da allora il punto vendita di via Albaro è il riferimento in città per chi voglia acquistare biancheria, e non solo, di gusto e qualità.